Archivio

  • images/stories/slides/07a 1.jpg
  • images/stories/slides/07a 10.jpg
  • images/stories/slides/07a 11.jpg
  • images/stories/slides/07a 12.jpg
  • images/stories/slides/07a 14.jpg
  • images/stories/slides/07a 15.jpg
  • images/stories/slides/07a 17.jpg
  • images/stories/slides/07a 18.jpg
  • images/stories/slides/07a 2.jpg
  • images/stories/slides/07a 3.jpg
  • images/stories/slides/07a 4.jpg
  • images/stories/slides/07a 5.jpg
  • images/stories/slides/07a 6.jpg
  • images/stories/slides/07a 7.jpg
  • images/stories/slides/07a 8.jpg
  • images/stories/slides/07a 9.jpg
  • images/stories/slides/screenshot.jpg
  • images/stories/slides/screenshot1.jpg
  • images/stories/slides/screenshot2.jpg
  • images/stories/slides/screenshot3.jpg
  • images/stories/slides/screenshot4.jpg
  • images/stories/slides/screenshot5.jpg
  • images/stories/slides/screenshot6.jpg
  • images/stories/slides/screenshot7.jpg

XXXIX Corso di Canto Gregoriano - sessione invernale: 2-5 gennaio 2019

ec

Non poteva che nascere sotto la luminosa stella di Eugène Cardine (1905-1988) questa nuova edizione dei Corsi Internazionali di Canto gregoriano. L’A.I.S.C.Gre. tutta e non solo, celebra i trent'anni dalla scomparsa di questo straordinario maestro il cui insegnamento e la cui personalità sono all'origine della creazione stessa del nostro Sodalizio.

Tre decenni fa, mentre il coro monastico della "sua" Solesmes intonava l’offertorium Dextera Domini fecit virtutem, dextera Domini exaltavit me: Non moriar sed vivam, et narrabo opera Domini, Dom Cardine rendeva l’anima al Padre, raccogliendo il dolore di una moltitudine inimmaginabile di persone. Uniti – chi ne era stato discepolo e chi ne seguiva l’insegnamento senza averlo conosciuto – si piangeva la scomparsa di chi ha, di fatto, segnato indelebilmente non solo una nuova fase della restaurazione gregoriana, ma la storia della musica stessa rendendo applicabile alla prassi esecutiva quella chiave di lettura del significato dei neumi, il cui germe era in nuce già nei primi decenni del Novecento. Fedele al messaggio consegnato da Dom Cardine, l’A.I.S.C.Gre. da sempre ha improntato alla semiologia cardiniana ogni sforzo, incentrando su di essa la propria missione. Quella semiologia che proprio in questo 2108 celebra i 50 anni dalla sua prima pubblicazione, mantenendo inalterato – grazie anche alla feconda attività scientifica dell’A.I.S.C.Gre. - il suo ruolo di irrinunciabile fondamento di qualunque attuale approccio allo studio della monodia sacra.

Questa edizione dei corsi conferma inoltre, una volta di più, tra le altre, la vocazione didattica della sezione italiana, impegnata dalla sua prima ora in questa veste che, nel tempo, ha coinvolto studiosi altamente specializzati e punti di riferimento della ricerca scientifica internazionale. Caratteristica, quella dell’internazionalità e della multidisciplinarietà, che fu peculiare dei primi “apostoli” cardiniani e che noi, da fedeli discepoli, manteniamo saldamente per garantire a soci e cultori la differenziata ed elevata qualità dell’offerta formativa. La sessione invernale, che si svolgerà a Cremona dal 2 al 5 gennaio 2019, vedrà, fra l'altro, un prezioso approfondimento monografico sui neumi di conduzione, da parte del prof. Fulvio Rampi.

Prof. Giovanni Conti

Presidente A.I.S.C.Gre. - Sez. italiana

 

 

 




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.